Eco Bonus 2018, le novità in sintesi

Con l’arrivo della stagione estiva ci sono interessanti novità che riguardano il fronte energetico!
La legge di Bilancio 2018 ha introdotto degli incentivi rivolti a coloro che vogliono effettuare lavori o interventi di riqualificazione energetica alla propria abitazione! Quanto detto riguarderà sia i residenti in condominio che i possessori di una propria “abitazione privata” ma non finisce qui; anche le case popolari potrebbero rientrare nel progetto.
Di cosa si tratta? Questo “sconto fiscale” prevede una serie di detrazioni che possono variare tra il “50%” o “65%”.

 

Cosa sta cambiando?

Negli ultimi anni siamo stati abituati a vedere riconfermato l’ecobonus nella legge di bilancio, ma questa volta alcuni interventi hanno visto ridursi la detrazione dal 65% al 50% :

  • interventi relativi alla sostituzione di finestre comprensive d’infissi,
  •  schermature solari,
  •  caldaie a biomassa,
  • caldaie a condensazione privi di sistemi di termoregolazione evoluti .

Alla luce di questa controtendenza, il nostro consiglio è di cogliere l’occasione adesso, senza confidare nei prossimi rinnovi che potrebbero vedere un ulteriore diminuzione delle detrazioni!

 

ecobonus disegno

C’è la possibilità, per chi è in possesso dei requisiti adatti, di poter richiedere agevolazioni:

  • per rimuovere materiali particolari come l’amianto;
  • per interventi esterni all’abitazione (come la riqualificazione del verde urbano o dei giardini).

 

Chi può usufruirne?

L’Eco bonus può esser erogato a:

  • privati;
  • liberi professionisti;
  • alle imprese, società o agli enti pubblici.

In attesa di decreti che chiariscano tutte le modalità da attuare dunque il riferimento è il sito ENEA da cui è possibile visualizzare la tabella con la percentuale e gli incentivi attuabili.

ecobonus affrettati

Sono previste scadenze?

I condomini sono avvantaggiati dalle tempistiche che prevedono, come tetto massimo, la data del 2021 per avvalersi delle agevolazioni.
Il privato invece ha una scadenza ristretta ovvero potrà beneficiare della proroga solo entro il 31 dicembre 2018.
I documenti dovranno esser inviati online nel portale ENEA che è stato recentemente attivato e che, 3 aprile 2018, avrà anche il supporto applicativo attivo.

La sensibilizzazione di questi aspetti sta assumendo forte rilevanza, non restare indietro! Se vuoi utilizzare anche tu l’#EcoBonus 2018 affidati ad un consulente.
Per ulteriori informazioni contattaci, saremo lieti di darti una mano!

Post a comment